mercoledì 6 maggio 2015

MANUALE SULLA SISSIFICAZIONE

http://sissymaid.forumcommunity.net/?t=57274204

MANUALE
Per padrone reale e perverso - di Master Magic

Prefazione

Questo manuale è il frutto della mia lunga esperienza personale.
Lo aggiorno con una certa regolarità e mi scuso per le imprecisioni editoriali.
Spero di ricevere consigli per ulteriori miglioramenti.
I concetti chiave del manuale sono abbastanza innovativi nel settore e sono: l’astinenza forzata ed eccitata, i sistemi tecnici e reversibili di limitazione delle erezioni maschili, la desessificazione forzata da mistress, le punizioni e le umiliazioni come sistemi organici di addestramento.
Manca la parte relativa al trucco, alla postura, alla vestizione ma so anche che su internet esistono moltissime risorse in tal senso.
Il manuale si sviluppa in cinque parti o libri:
1) la sissificazione
2) il sesso per la sissy
3) l’astinenza
4) umiliazioni, punizioni e torture
5) sissies esperte
Nel manuale ho cercato di riportare tutte le cose che mi sono note sulle sissies, alcune particolarmente forti e sicuramente non per tutti. Ma non ho voluto tralasciare nulla perché ciò che può risultare schifoso a me o ad altri, potrebbe interessare e piacere a una piccola minoranza che comunque è giusto trovi ciò che le provoca piacere. Spero che nessuno, leggendo alcune pratiche particolarmente dure, si offenda.
Lo dedico a tutte le sissies e a chi le ama.
Master Magic


Libro I: La sissificazione

1. Scopo e durata della sissificazione
Lo scopo della sissificazione è quello di ottenere, da un maschio portato a tale percorso, una sissy completa. In alcuni casi tale tecnica, perché di tecnica o di insiemi di tecniche, può essere utilizzata anche su maschi non desiderosi di diventare delle brave sissies ma che, in virtù di specifici accordi personali con un dominante, per esempio in virtù di un accordo libero di schiavitù, accettino di seguire questo percorso. Tuttavia si tratta di casi isolati, spesso di casi in cui il dominante è la compagna e sono casi che saranno trattati separatamente. La durata del percorso di addestramento è stata per motivi didattici racchiusa in tre anni ma evidentemente saranno le attitudini personali nonché l’esperienza pregressa a determinare, caso per caso, il tempo realmente necessario. Inoltre l’addestramento di una sissy è teoricamente infinito perché mai essa finisce di migliorare, anche in funzione dei vari dominanti che avrà occasione, nella veste di sissy, di incontrare.
La sissy, tecnicamente, è un maschio femminilizzato -o meglio sissificato- con tre funzioni specifiche che devono convivere armoniosamente nella stessa persona: serva, schiava e troia del dominante. Esistono maschi schiavi, maschi che fanno sesso con altri maschi e che pertanto potrebbero essere definiti troie, maschi che in qualità di schiavi fanno i servi di dominanti. In questi casi non avremmo naturalmente a che fare con sissies ma con gay, con gay schiavi o con schiavi di dominanti femmine. Ma non con sissies. La sissy è le tre cose (schiava, serva e troia) contemporaneamente e in ogni momento. Anche questo è un elemento discriminante: mentre lo schiavo maschio assume questo ruolo soltanto in sessione o a letto, la sissy è sissy sempre anche se durante la propria vita extra sessione maschera tale stato. Mentre la schiavitù è un ruolo, l’essere sissy è uno stato.


2. La sissificazione con mistress e con master
L’addestramento a sissy dovrebbe essere svolto sotto il governo di un dominante, sia esso master o mistress, anche se nei due casi le tecniche, i tempi, le finalità possono avere alcune differenze. La sissy completa tuttavia, deve essere in grado di servire sia master che mistress e non si ammettono sissies solo di mistress, perché questo implicherebbe una loro residua e pericolosamente eccessiva dose di mascolinità. Pertanto anche nel caso in cui l’addestratore iniziale sia una mistress, l’aspirante sissy deve avere esperienze con master (l’unica eccezione ammissibile è un insegnante mistress e esperienze da cuckhold). In quanto e per quanto la sissy è femminilizzata, la sua sessualità gravita attorno all’idea del cazzo e quindi del maschio dominante. La dominazione femminile è uno strumento importante per portare il maschio a questo stadio ma non può mai prescindere dal dare il cazzo alla sissy, cazzo vero e non suoi sostituti tecnologici quali vibratori, dildi o plugs. Ecco perché se la dominante è femmina, la sissy deve diventare o cuckhold e in questo caso vivere il cazzo della sua padrona desiderarlo o direttamente essere sottomessa anche lei al cazzo dell’amante della sua padrona ovvero essere comunque avviata alla sua situazione di troia di maschio, di serva di maschio, serva anche sessualmente, di schiava sessuale del maschio. Un’alternativa applicata da qualche mistress di sissies è quella di affiancare una trans all’addestramento stesso, in modo da fornire cazzi veri all’aspirante sissy. In ogni caso, ripetiamo, il cazzo non può mancare all’educazione della sissy. Vediamo nel dettaglio le differenze fra i vari addestramenti.


2.1 l’addestramento da mistress
La mistress insegna le tecniche principali alla sissy, la fa sua schiava e serva, la usa per raggiungere l’orgasmo sessuale. Una parte fondamentale della sua educazione è l’intervento del maschio alfa esterno, che può essere l’amante della sua mistress, un trans preso in affitto o un maschio scelto dalla mistress cui la sissy viene inviata per le sue esperienze da troia. Essere presentata dalla propria padrona a un maschio alfa vestita e truccata da femmina troia, ovvero da sissy, è una delle esperienze più formative per una sissy. Anche spogliarsi nuda, scoprire i genitali, magari legati alla cordicella o ad altro strumento che blocca e impedisce l’erezione, rappresenta per la sissy un’esperienza unica. Essere ceduta come una puttana a un maschio che non si conosce rappresenta infine una strada ottima di educazione al proprio stato, oltre che, come si diceva sopra, al proprio ruolo in sessione. Rispetto al master, l ami stress ha queste due armi in più terribili per addestrare una sissy. Il difetto dell’educazione a sissy da parte di una mistress, è che residuano nella sissy elementi di mascolinità: soltanto un’adeguata desessificazione può far superare tale ostacolo. Questa è la principale differenza fra l’educazione da mistress e quella da master. Se il master infatti punta tantissimo sull’astinenza eccitata della sissy, la mistress punta invece sulla sua desessificazione. Tecnicamente si tratta di due strade molto differenti. La prima, l’astinenza forzata, consiste infatti nel mantenere la sissy in stato di astinenza sessuale, privarla degli orgasmi maschili e persino dell’erezione maschile e di mantenerla nel frattempo sessualmente eccitata. Questo provoca il reindirizzamento delle pulsioni sessuali da maschio alfa a femmina, con calo del desiderio di conquista e di penetrazione e aumento vertiginoso di desiderio di essere conquistata e penetrata. La sissy così addestrata è eccitatissima e contemporaneamente privata dello strumento meccanico, il proprio cazzo eretto, per soddisfare tale desiderio che resta inalterato nella quantità ma pervertito nella qualità e reindirizzato verso il desiderio del cazzo. La seconda, la desessificazione, consiste invece nelle ripetuta mungitura o anche semplice masturbazione forzata della sissy fino a farle perdere ogni residuale desiderio sessuale maschile nel mentre restano attivate le tecniche di femminilizzazione, cosicché la sissy impara il proprio ruolo in uno stato di mancanza di desiderio attivo, aperta all’uso qualsiasi da parte della padrona ma senza residua volontà di potenza maschile. La sissy così educata ha piacere di essere smunta di desiderio maschile ed acquista, nella sua carenza, quella voglia di diventare simile alla sua padrona che la porterà ad imitarne la femminilità. Come vedremo la vera sissy dovrebbe conoscere entrambe le tecniche ed averle sperimentate entrambe su se stessa, ma nell’ordine seguente: prima l’astinenza forzata con maschio e dopo la desessificazione con mistress. Non sempre questo percorso è praticamente fattibile e questo può causare ritardi educativi. Evidentemente la sissy educata da mistress conosce molto bene il piacere sessuale femminile perché è costretta a soddisfarlo. In egual misura conosce meglio il corpo femminile e questo la aiuta nell’imitarne le fattezze. Sa cosa fa impazzire una femmina meglio di sissies educate da maschi. Conosce di più il sapore degli umori femminili e la più sottile perversione femminile, meno il salato sapore del cazzo e le più rozze maniere dei master. Ecco perché l’educazione da mistress è importantissima ma non può restare priva dell’educazione da master e anzi da questa dovrebbe essere preceduta.


2.2 l’addestramento da master
È l’addestramento più comune per le sissies e in genere il primo passo verso la meta agognata dalle aspiranti sissies. Il master di sissies deve avere esperienza sia con femmine schiave che con schiavi che con trans e conoscere bene il mondo delle perversioni sessuali per poter addestrare bene una sissy. Una mistress, al contrario, basta che sia una perversa e saprà come addestrare una sissy. Il master metterà subito, sin da prima del primo incontro,la sissy di fronte al problema di dover gestire il proprio rapporto con un cazzo dominante da soddisfare. Mettersi in bocca il cazzo del padrone è un’esperienza unica ed insostituibile per una sissy. Stare in ginocchio, nuda ed indifesa con il cazzo del padrone fra le guance e sentirselo giù in gola quasi a soffocarla, in attesa che questo gli schizzi in bocca il suo sperma caldo e denso, è una delle tipiche situazioni da sissy. Bene , nell’addestramento con master è una situazione in cui l’aspirante sissy si trova sin quasi dall’inizio della sua scelta. Molto più difficile, per un addestramento da master, è gestire la mezz’ora seguente l’orgasmo della sissy. Priva della spinta ormonale sessuale, la sissy si trova in quegli istanti, molto fragile e potrebbe, se lasciata in governata, rinunciare, anche per sempre, al suo precedente sogno di sissificazione. Ecco perché nelle prime dieci sessioni, la sissy in addestramento da master non deve avere orgasmi. Successivamente, quando ha imparato il suo stato, e non solo il proprio ruolo, sopporterà benissimo tale stressante situazione nella quale il master potrà metterla anche volontariamente. Questo significa mungere la sissy a inizio sessione, in modo da fargliela vivere senza la spinta sostenitrice dell’eccitazione sessuale. Questo è molto formativo ma, ripetiamo, potrà avvenire solo in fasi molto avanzate di addestramento. In genere il master presenta la sua sissy ad amici o conoscenti e questo la mette “abbastanza” in ansia ma mai come quando la presenta a una sua amica. Questa esperienza non va fatta in sessione ma fuori sessione, in un ristorante, un locale pubblico nel quale la sissy non potrà fuggire, trattenuta dalle convenzioni e dall’educazione. Dire a un’amica, presente la sissy, magari mascherata e non vestita e truccata da sissy, che l’amico presente è una sissy, è un’esperienza sconvolgente per la sissy stessa che precipita dallo stato di uomo davanti a una donna a quella di una troia, serva e schiava omosessuale, amante del cazzo, davanti a una donna, molto più femminile di lei. Si sentirà insomma frocia, impotente, troia e inadeguata anche in quel ruolo: lo stato perfetto di sissy. Ovviamente l’affiatamento con il master e il desiderio del suo cazzo deve essere molto forte in questa fase. Un guaio anticiparla eccessivamente solo per punire la sissy o anticipare i tempi.


2.3 l’addestramento cuckhold
in questo caso, che ricade nel paragrafo addestramento da mistress, la sissy ha, in più rispetto al caso base, l’esperienza di essere un oggetto sessuale secondario rispetto al cazzo dell’amante, cazzo che lei invidia e non ha ma che può provare e soddisfare. L’umiliazione è sempre cocente, soprattutto se la mistress è la reale compagna di vita della sissy e soprattutto se la mistress è così perversa e brava di non dirle quasi nulla dei suoi amanti ma di fargli capire cosa fa con loro. Può così portarla a un livello di eccitazione e gelosia inaudito e così portarla a un livello di sissificazione molto spinto in poco tempo. Occorre tuttavia governare tale eccesso di eccitazione che potrebbe sfociare in aperta ribellione ed anche in atti violenti castrandone subito ogni tentativo. Il modo per farlo è portarle l’amante a casa, chiuderla nel cesso mentre la mistress si scopa l’amante e farla rientrare a leccare lo sperma dell’amante. In questo modo la sua umiliazione-eccitazione sarà in equilibrio e riacquisterà velocemente lo stato di sissy impotente e femminile, succube e passiva. Successivamente, nelle sessioni successive, la mistress potrà anche far preparare sessualmente l’amante dalla bocca della sissy o farla scopare dal suo amante. Molto significative restano le occasioni di incontro in locali pubblici in cui l’amante fa avances alla mistress e la sissy subisce la scena passivamente sapendo che alla fine dovrà leccare lo sperma dell’amante e ingoiarlo. Ingoiare lo sperma di un rivale in amore è un atto di umiliazione definitiva per una sissy. Che va eseguito spesso e ripetutamente in caso si osservino comportamenti di minacciata o nascosta ribellione. Meglio chiarire subito come finisce.


3. La sissificazione personale (o autoaddestramento)
È un metodo molto diffuso ma poco efficace. La mancanza del cazzo, del dominante, si fa sentire. Tuttavia può avere un senso in alcune situazioni pratiche almeno come preparazione all’addestramento vero. In questo modo la sissy potrà imparare a depilarsi, a truccarsi, a muoversi come una donna. Potrà anche, andando da gay o trans, provare la sensazione del cazzo in bocca o in vagina ma le mancherà comunque la presenza di un dominante. Difficilmente mistress a pagamento o trans a pagamento riescono ad addestrare una sissy a causa del poco tempo che le dedicano. Può servire a partire ma non a sissificarsi veramente. Diverso il caso in cui la sissy sia in uno stadio di addestramento avanzato e utilizzi l’autoaddestramento come tecnica di esercitazione continua- questa pratica è assolutamente consigliata, anche se va eseguita dietro accordo con il dominante.

4. La sissificazione e l’età
L’età ideale di una sissy è quella in cui l’equilibrio ormonale fra testosterone e ormoni femminili è ben bilanciato verso questi ultimi. Quindi un’età non troppo giovanile. Questo permette di controllare meglio le erezioni e la voglia di dominare, tipiche del maschio e dovute al’influenza e predominanza di ormoni maschili. L’età porta tali ormoni ad abbassarsi. L’età ideale di un dominante di sissy è un’età o molto superiore o molto inferiore a quella della sissy per evitare paragoni e instaurare complessi di concorrenza e per avviare una continua sensazione di vergogna. Per un uomo femminilizzarsi verso un uomo più giovane è estremamente imbarazzante e così anche farlo davanti a una persona dello stesso sesso molto più anziana. La sissy non può rifiutarsi di fare sesso o servire come sissy una persona perché troppo anziana o troppo giovane (tranne gli ovvi casi di minore età che sono vietati dalle leggi) e anzi l’addestramento deve porla in condizioni di trovarsi in questi due casi.


5. Tecniche principali di sissificazione
Abbiamo già accennato all’astinenza forzata ed eccitata e alla desessificazione. La prima è la tecnica base di sissificazione, la prima da cui si parte. La sissy viene messa in condizioni di non poter avere orgasmi sessuali maschili attraverso cordicella o altro idoneo strumento di castità e contemporaneamente la si fa eccitare allo spasimo con scene di sesso perverso diretto o con la visione di foto e filmati di sissy o comunque di perversione sessuale spinta.


5.1 La cordicella consiste in una fettuccia di stoffa non tagliente di
circa trenta centimetri, che viene annodata con un primo nodino, al clitoride della sissy, in punta, facendo bene attenzione a prendere solo la pelle. Il clitoride che non deve essere in erezione. Quindi si attorciglia la cordicella sul pene risalendo verso la base facendo sempre attenzione a prendere solo la pelle. In questo modo il clitoride rientra all’interno e alla fine si chiude con un altro paio di nodi la cordicella. In questo modo il pene non può avere erezioni sessuali. Sembra banale ma funziona e ha effetti incredibili anche a livello fisico di sissificazione. Possibilmente il pube e il clitoride e le ovaie devono essere perfettamente depilati. Una vota applicata la cordicella, si mette in stato di eccitazione forzata e parossistica la sissy per almeno due ore. Alla fine si toglie la cordicella e si osserva la perdita di umori (prespermatici) abbondanti con forte sensazione di orgasmo “strano” senza schizzi da contrazione muscolare, un orgasmo lento, femminile, piacevole e che soprattutto lascia l’eccitazione togliendo ulteriore possibilità, o limitandola molto, di erezione. La visione del clitoride impedito all’erezione, magari con fettuccia di raso rosa, è un elemento di forte suggestione sissificante per la stessa sissy. Ecco perché lo stato di depilazione genitale è praticamente obbligatorio sin dalle prime fasi. Il secondo passo è mantenere la cordicella ed eccitarsi per almeno una settimana, e poi praticare, tolta la cordicella, l’automungitura o, in caso di addestramento da dominante, la mungitura classica mediante massaggio prostatico vaginale lento. In questo caso la perdita di umori è extra abbondante e la sensazione di piacere orgasmico fortissima anche se di tipo diverso da quella maschile, un orgasmo lento, continuo e non improvviso, non gestito da muscolatura pelvica ma dall’interno e soprattutto una lenta colata di umori. Dopo l’atto l’eccitazione sessuale si mantiene praticamente intatta e anzi maggiorata mentre la possibilità di avere erezioni diminuisce in proporzione all’età della sissy. Questo le provoca un fortissimo stato di impotenza sessuale, di privazione della parte maschile pur sentendosi eccitatissima sessualmente: è la condizione ideale per proseguire l’insegnamento. La ripetizione di queste fasi (astinenza, eccitazione, mungitura settimanale, addestramento) è la precondizione per il successo iniziale del processo addestrativo. Ciascuna aspirante sissy dovrebbe praticare, da sola o con un dominante, tale percorso iniziale. Come elementi di eccitazione, se non è disponibile una mistress una trans o anche un master, vanno bene foto e filmati da siti internet. Preferibili ovviamente quelli di sissies, ma anche siti di SM su femmine biologiche non sono da scartare in quanto nella sissy scatta l’auto identificazione nel soggetto passivo e sub. È questo il periodo di insegnare alla sissy pratiche che difficilmente seguirebbe senza adeguata eccitazione-astinenza-senso di passività sessuale, le pratiche cioè più “difficili” a seconda della personalità di ciascuna sissy. Per esempio il pissing, lo shitting, i clisteri, le uscite “en femme”, le umiliazioni pubbliche, le penetrazioni in luoghi aperti, le foto e i filmati, la tortura leggera, il “cane”, la cera, le mollette di ottone, l’elettricità. Ma dipende molto dal percorso individuale di addestramento che spetta soltanto al dominante decidere. Certamente, lo ripetiamo, questa è la fase più propizia per superare molte inibizioni “maschili”. Anche il primo approccio fisico e reale con il cazzo dominante, il primo sesso orale, il primo sperma in bocca, l’ingoio, sono pratiche che in questa fase risultano molto più facili da essere accettate. E una volta accettate restano nel bagaglio personale e non sarà difficile la loro ripetizione anche in forme didatticamente più analitiche.


6. La sissificazione e la medicina ormonale e chirurgica
Si tratta di aspetti esasperati della sissificazione. In questo libro li citiamo ma non ce ne occuperemo, essendo l’oggetto di questo corso la sissificazione tecnicamente reversibile. L’uso di pratiche chirurgiche di asportazione del clitoride e di ricostruzione vaginale, l’assunzione di ormoni per alterare l’equilibrio sessuale endocrino della sissy, che portano a modificazioni irreversibili nel primo caso e difficilmente reversibili nel secondo, non fanno invece parte di questo corso. Non possiamo tuttavia dimenticare che esistono percorsi di sissificazione che prevedono sin dall’inizio o conducono nel tempo a tali pratiche.


7. La sissificazione permanente e la sissificazione temporanea
La sissificazione di cui al paragrafo precedente, ottenuta per chirurgia e/o per trattamento ormonale, è detta irreversibile. La sissificazione reversibile si divide in ulteriori due tipologie: la sissificazione permanente e la sissificazione temporanea. Entrambe sono tecnicamente reversibili, ovvero la sissy può in questi casi decidere di tornare allo stato maschile (anche se le resterà sempre qualcosa dell’esperienza avuta) ma si distinguono per l’atteggiamento mentale della sissy stessa nei confronti del proprio stato. La sissy permanente vive sempre da sissy, anche se a tratti e per ragioni sociali o familiari, può assumere comportamenti ed aspetto tipicamente maschili. La sissy temporanea invece assume tale stato soltanto durante le sessioni mentre al di fuori di essa torna allo stato maschile. In genere il percorso di sissificazione completo parte da quest’ultima situazione (temporanea) per arrivare alla situazione permanente ma ci sono sissy complete che preferiscono avere, per motivi familiari o sociali, lo stato di sissy temporanea. Non ci sono tecniche differenti ma soltanto una decisione intima della aspirante sissy. A volte la convivenza con una femmina biologica costringe l’aspirante sissy alla condizione di sissy temporanea anche se è possibile, ma molto più difficile, vivere una vita coniugale maschile anche nello stato di sissy permanente. Non è invece possibile, per evidenti ragioni, avere una vita coniugale maschile nel caso di sissificazione irreversibile (trattamenti chirurgici o ormonali). In questo capitolo ci occuperemo dei rapporti della sissy con la propria compagna nel caso ella viva o conviva la notte con questa. Tale situazione può avere molteplici sotto situazioni. Si potrà avere una compagna consapevole, ovvero a conoscenza del percorso di sissificazione, e in questo caso si potranno avere tre situazioni: la compagna accetta e guida il processo (compagna - mistress), la compagna accetta senza interferire nel processo, esigendo tuttavia alcune contropartite come l’attività sessuale maschile della sissy (compagna – indifferente), la compagna non accetta tale situazione e la rende impraticabile ovvero rompe la relazione. Tutti questi casi, tranne quello che impedisce la sissificazione, portano a stati di sissificazione permanente. Si potrà avere una compagna non consapevole, che ignora tale situazione. In questo caso, che è il più frequente, la sissy tiene nascosto alla compagna il proprio stato e questo le costa il dover mantenere rapporti sessuali maschili con lei. Questa cosa è fattibile e va attentamente studiata. È il caso più frequente di sissificazione temporanea. Come fa la sissy temporanea di compagna inconsapevole a seguire il proprio percorso addestrativo e insieme avere una vita maschile coniugale con la propria compagna? Si può fare ad alcune condizioni ed anzi può far parte del percorso addestrativo. Ma richiede sensibilità ed intelligenza all’aspirante sissy e forza di carattere alla sissy completa. La sissy dovrà sentirsi sissy della propria compagna, e quindi sua serva e sua schiava oltre che sua troia personale, senza che la compagna avverta il suo stato femminile. La sissy ubbidirà sempre alla propria compagna, qualunque sia l’ordine datole , sarà sempre dolce ed accondiscendente con lei e si dovrà forzare molto in questo senso, avendo sempre chiaro nella sua testa che la compagna non è più una compagna dai pari diritti ma è diventata la sua padrona. A letto aumenterà di molto le pratiche preparatorie al sesso, leccandola dappertutto, portandola all’eccitazione o all’orgasmo con la bocca, succhiandole vagina e ano, ubbidendo ad ogni suo ordine. Quindi, quando si tratterà di penetrarla, lo farà avendo chiaro in mente che sta ubbidendo alla sua padrona ed eseguendo quindi un dovere sessuale di schiava. È facile che una compagna avverta il cambiamento ed assuma di conseguenza, in maniera lenta, graduale e naturale, un ruolo di dominante – indotta e se ciò avverrà anche in ambito sessuale, questa situazione può sfociare, in un trenta per cento di casi, in una dominazione aperta e in tal caso si ricadrà nella situazione di compagna – mistress e quindi la sissy passerà ad uno stato di sissificazione permanente. Se ciò non avverrà, la sissy potrà vivere questo suo stato senza grandi complicazioni. Quando la padrona compagna è assente, per esempio, lei leccherà i suoi indumenti intimi sporchi, odorerà e leccherà il water nel quale la compagna ha fatto i suoi bisogni, per accrescere a sensazione di appartenenza come sissy a lei, anche se lei ignora tale stato di cose. Sono rari i casi in cui la compagna non gradisca questa situazione ed allora si tornerà alla scelta: interruzione del percorso addestrativo o rottura della relazione. Esistono poi anche casi particolari in cui la sissy manifesta anticipatamente tale suo stato alla sua compagna e se questa accetta si ritroverà automaticamente una compagna – mistress.


8. La sissificazione e la schiavitù

Come abbiamo più volte ripetuto, la sissy è definita serva, schiava e troia del suo dominante. Il suo stato di schiava è pertanto insito nel suo stato di sissy. Ma cosa significa essere serva e cosa significa essere schiava?n quali sono le differenze fra i due termini e i due stati? Lo vedremo in questo capitolo cruciale del libro. La servitù è una sotto – schiavitù. Non si può essere vere serve senza sentirsi pienamente schiave né si può essere davvero schiave senza esercitare la servitù. Tecnicamente le due cose si distinguono perché lo stato di serva implica una maggiore attenzione all’aspetto sessuale nei confronti del dominante, la serva deve essenzialmente ubbidire (ma lo fa anche la schiava) e tenere eccitato sessualmente il dominante. La schiava invece subisce umiliazioni e punizioni anche non direttamente legate all’eccitazione del dominante. Da schiava si ubbidisce e basta, da serve ci si deve sforzare di eccitare il dominante da un punto di vista sessuale. È compito della serva infatti mantenere sempre sessualmente eccitato il dominante. La troia soddisfa l’eros, la serva eccita l’eros. La schiava subisce punizioni e umiliazioni anche non direttamente legate all’eros. Appurato che la servitù è un sotto aspetto della schiavitù, esaminiamo in dettaglio tale stato generale. La schiavitù consiste nel perdere i diritti della persona, tranne alcuni che restano sempre in vigore e che vanno ovviamente concordati, e cedere al dominante il possesso e la proprietà del proprio corpo, mente e tempo, soprattutto da un punto di vista sessuale. La schiava non può avere eccitazione sessuale o sesso senza il coinvolgimento o almeno la concessione consapevole (il permesso esplicito) del proprio dominante. Diventare schiava significa quindi rinunciare alla propria autonomia sessuale nel senso più ampio e completo della frase. La schiava non persegue, nella sessualità, il proprio piacere direttamente, ma persegue il piacere sessuale del dominate ed indirettamente, così facendo, il proprio. Se questo le viene negato, la schiava accetta passivamente e gode di tale rinuncia. La schiava ubbidisce e non chiede mai, la schiava tende alla perfezione che intende il dominante, la schiava non avendo diritti non può scegliere nulla né per sé né per altri. Nel caso di cessioni o vendite, la schiava non può rifiutare alcunché e deve trovare piacere in tale stato di abbandono sessuale. In caso l’aspirante sissy trovi qualche difficoltà ad accettare alcune tecniche di sissificazione, per esempio di leccare lo sperma, di ingoiarlo, o altre cose abbastanza frequenti, deve ricordarsi del proprio stato di schiavitù ed accettarle per questo. La schiavitù è l’arma della sissy per superare le tante prove del proprio addestramento. La schiava sopporta il dolore e le umiliazioni, la schiava sa che il proprio dolore e le proprie umiliazioni sono il piacere del dominante e deve arrivare a sentire che esse sono il proprio piacere. Evidentemente dopo aver spiegato a una sissy il suo stato di schiava, occorre addestrarla a subire punizioni e umiliazioni senza tentennamenti ma anzi essendo capace di inventarne sempre di nuove e di suggerirle al proprio dominante. Altri corsi spiegano in dettaglio tipologie di punizioni fisiche e di umiliazioni e non è questa la sede per dilungarci su di esse, anche perché si tratta di molte centinaia di applicazioni.

9. La sissy di padrona

Abbiamo già avuto modo di accennare alla situazione in cui il dominio della sissy e l’addestramento appartiene a una donna biologica. A parte rari casi di donne prostitute, che non riusciranno mai, tranne casi particolarissimi, ad addestrare pienamente una sissy per la mancanza di tempo necessaria, in genere le mistress sono amiche della sissy, da questa stessa cercate o da essa scoperte. In genere una delle cose che più amano le mistress di una sissy è costringerla a fare i lavori di casa. La sissy diventa così esperta di lavare, stirare, cucinare, rassettare e spesso la mistress gode nel mostrare alle sue amiche o ai suoi amici, spesso di lavoro, la propria sissy, impartendo a quest’ultima umiliazioni assai cocenti ed educative del proprio stato. L’addestramento da padrona si distingue per la minore presenza del sesso nell’addestramento, a differenza dell’addestramento da master in cui la sessualità fisica e diretta rappresenta spesso un elemento distintivo. La sissy dunque resta molto di più, in questo caso, in uno stato di eccitazione non soddisfatta e represso e l’uso di idonei strumenti di astinenza forzata si rendono indispensabili. Ottime le cinture di castità che si trovano in commercio a qualche centinaio di euro e che danno alla mistress anche l’opportunità di decidere lei, possessore della chiave di un lucchetto, quando concedere il riposo. Purtroppo tali strumenti funzionano male ed è molto facile per la sissy toglierli anche senza disporre della chiave del lucchetto. La mistress dispone tuttavia della prova del cucchiaio con cui smaschera facilmente la propria sissy che ha avuto un orgasmo. La mistress che ha dei dubbi, infatti, masturba la sissy e raccoglie in un cucchiaio il suo sperma. Se il contenuto è insufficiente, la mistress ha la prova del tradimento, che è davvero gravissimo e che in genere è punito con punizioni e umiliazioni severissime se non estreme. In genere la punizione che la sissy già conosce in anticipo (valenza deterrente della conoscenza preventiva della pena cui si sarà soggette in alcuni gravissimi casi di reato) è quella di mostrare a comuni amici ignari dello stato di sissy del soggetto sub, la sissy vestita e truccata da sissy, in alcuni casi anche spogliandola nuda e mostrandone il clitoride depilato magari infiocchettato in un nastro rosa di contenzione. È una punizione estrema che ben si adatta a tale genere di reato gravissimo. In genere, a parte le attività di addestramento sessuale, la sissy di mistress provvede al generale andamento della casa come una perfetta serva, la accompagna a fare compere, la spoglia, la veste, la lava, le asciuga la vagina e l’ano dopo i bisogni corporali, assiste se richiesto ai bisogni della mistress, dorme raramente al suo fianco in genere a terra o sotto il letto della mistress. La mistress con sissy ha diritto ad amanti sessuali di ogni tipo, se non altro a scopo addestrativo della sissy e ha il dovere di mostrare alla sissy queste sue attività sessuali o almeno comunicargliene l’esistenza. Questa attività addestrativa va sotto il nome di cuckholding ed è trattata separatamente. La sissy di mistress ha il problema del cazzo, nel senso che scopo della sua sessualità resta la soddisfazione del cazzo maschile che, in una mistress, non può trovare. Ecco perché il cuckholding è la normale soluzione a tale problema. In alternativa si procede alla desessificazione della sissy tramite mungiture o, in alcuni casi, tramite l’utilizzo incrociato di altre sissies. Tale pratica, poco diffusa ma molto bella ed interessante, consiste nell’utilizzare le proprie sissies da parte di più mistress, che le costringono ad avere rapporti sessuali fra di loro, davanti a loro mistress, potendo così soddisfare la voglia di cazzo e subendo nel contempo serie umiliazioni e prove anche fisiche di resistenza. Molti siti internet ormai garantiscono la possibilità di tale pratica, la messa a comune di sissies. In Italia “la gabbia” fornisce ottimamente, gratuitamente e in maniera anonima tale servizio. Fare sesso con un’altra sissy è per una aspirante sissy motivo di grande imbarazzo ma anche occasione preziosa di crescita personale nel proprio stato sottomesso.


10. La sissy della propria compagna

Abbiamo già accennato a tale intrigantissima situazione purtroppo poco diffusa. Mentre nel caso di cui al capitolo precedente la sissy e la mistress in genere si incontrano su siti internet, in questo caso è in genere la sissy a dover fare la prima mossa con la propria compagna. Rari casi dimostrano il contrario. Bisogna sfruttare le iniziali predisposizioni della compagna ad esercitare un ruolo dominante nella vita di coppia, anche da punto di vista sessuale sperando che una certa dose di perversione sia preesistente. Se è così, non è difficile far capire che si gradisce essere comandati, subire, sia psicologicamente che fisicamente e quindi piano piano scivolare in una condizione di sudditanza di fatto. Da questa passare al ruolo di sissy non è facile. In genere il modo di farlo è esplicitare il proprio bisogno di depilarsi e di vestirsi da femmina. Se la compagna sta al gioco, il più è fatto e basta un po’ di tempo e di siti internet giusti a fare il resto, a trasformare cioè la compagna in severa dominante e addestratrice di sissy. La depilazione, d’altra parte necessaria per una sissy, è difficile farlo accettare alla propria compagna, specialmente se tradizionalista e quindi tanto vale, prima di depilarsi, provare a sondare la possibilità di un rapporto iniziale sub – dom per poi passare a chiarire i propri istinti di sissy. In un capitolo precedente abbiamo accennato alla situazione, abbastanza frequente di sissy nascosta, che vive con una compagna ed abbiamo mostrato come ciò sia possibile e che anzi possa aiutare nell’addestramento la sissy. Se la compagna consapevole, non conosce in dettaglio le tecniche di sissificazione, occorre suggerirle la lettura di questo manuale o almeno la visione di alcuni contenuti di molti siti internet che parlano di sissies. La compagna perde un maschio alfa ma guadagna la liberta sessuale con altri maschi, il potere di comando e dominio sul compagno e sulla casa, la possibilità di comandare davvero su tutti gli aspetti di vita comune. La sissy cede infatti il proprio stipendio alla compagna consapevole e mistress e dispone di pochissimo denaro per sé che può comunque spendere solo con il permesso esplicito della padrona. Anche in casa la mistress compagna consapevole perde qualsiasi obbligo di lavoro che passa alla sissy. Nel caso di figli i due complici devono mostrare due volti: alla prole il normale volto di coppia eterogenea tradizionale, fra di loro invece si comporteranno come mistress e sissy. La sissy indosserà sempre sotto gli abiti maschili intimo femminile e in casa porterà sempre cordicella e dildo, sarà totalmente depilata e consentirà alla compagna consapevole mistress di fare sesso con altri uomini. Prima dell’arrivo dell’amante, la mistress mungerà la sissy e la terrà sottomessa con forza. Una completa desessificazione preliminare è consigliata (vedi corso sulla desessificazione).



11. La sissy di padrone maschio

La sissy di master non avrà problemi di cazzo anche se soffrirà la mancanza di un esempio femminile costantemente vicino. Il controllo della sessualità da parte del master è più difficile e l’addestramento sarà di conseguenza più duro. La sissy deve amare il proprio padrone ma deve anche temerlo e alcune punizioni iniziali molto dure le faranno capire cosa l’aspetta in caso di errore. In questo caso palettature severe ovariche sono sufficienti a indirizzare in questo senso una sissy di master. La severità fisica distingue l’addestramento di un master da quello più sottile e perverso di una mistress ma occorre ripetere che la severità occorre per evitare la perdita di concentrazione della sissy. Nel caso in cui una sissy di master abbia una compagna femmina biologica non consapevole, il master le permetterà di fare sesso anche attivo con la compagna ma solo a date stabilite e secondo alcune modalità sottomesse. La sissy dovrà mostrare al master la foto della compagna, anche nuda, portarle suoi indumenti intimi usati, insomma far eccitare il master con la propria compagna. In questo modo sentirà in parte l’effetto cuckholding che l’addestramento da master non può darle direttamente. Il master, da parte sua, deve impegnarsi a non approfittare di tale situazione cercando di abbordare la compagna della sissy, a meno di richiesta di quest’ultima assolutamente spontanea. Dovrà infine raccontarle ogni particolare dei suoi rapporti intimi con lei e spiegargli in dettaglio le eventuali perversioni della compagna. Riceverà dal master anche consigli interessanti. Un modo per il master per controllare i miglioramenti della propria sissy consiste nel farla iscrivere a una piscina cui egli stesso è iscritto e andare con lei a nuoto. Si ricordi che la sissy è depilata e dovrà fare la doccia in promiscuo con altri uomini, mostrandosi depilata. Davanti al proprio padrone. La sissy sa che in questi casi dovrà osservare molti cazzi e in caso di avances da parte di qualche uomo, dovrà cedere senza ritrosie, manifestandosi come sissy in pubblico. Quindi il suo padrone le dirà cosa fare e se andare avanti su quel terreno con quell’uomo o interrompere tutto. Ma la lezione sarà servita moltissimo.


12. Miglioramenti continui

Non esiste una sissy perfetta. Ogni sissy può sempre e continuamente migliorare. Innanzitutto superando tutti i suoi limiti che sono riportati nel suo contratto di sissy e poi migliorando nelle cose che sa già fare. Ballare, fare lo streap-tease, subire torture estreme o umiliazioni estreme, uscire “en femme” in varie occasioni, mostrarsi in siti di sissies con foto e filmati, rimorchiare in pubblico o per strada, insomma molte sono le strade di miglioramento che una sissy può intraprendere. Dovrà intraprenderle tutte e questo lei lo sa sin dall’inizio. È la sua forza che non la farà mai sedere a terra. Una sissy è uno stato non un qualcosa che si raggiunge. La sissy è eternamente insoddisfatta, ansiosa, femminilmente isterica e perfezionista, alla ricerca di superamenti del proprio stato. Ricordando le tre condizioni: serva, schiava e troia. Lavorando su queste tre condizioni potrà mantenere un diario costante della sua esperienza e misurare i miglioramenti,. Il diario della sissy appartiene al suo dominante. Nel diario non può tenere segreti né tacere nulla dei suoi pensieri più segreti e intimi. La lettura del diario è parte iniziale della sessione di addestramento di una sissy.

13. La sissy e le mestruazioni
Una volta al mese la sissy, come tutte le femmine, ha le mestruazioni. Dovrà abituarsi a tale stato di difficoltà e debolezza. Indosserà pannolini bagnati e possibilmente un assorbente genitale per due o tre giorni. In quel periodo non potrà avere sesso e, se comandata dal dominante potrà essere serva e schiava o troia orale. Nel caso di sissy di mistress o di compagna consapevole, la sissy leccherà le mestruazioni della femmina dominante direttamente dalle mutandine sporche, dagli assorbenti o dal bidet dove la femmina si laverà. Dovrà superare ogni ostacolo psicologico su tale punto che le appartiene e che dovrà sentire suo. In quel periodo subirà clisteri punitivi per simulare il mal di pancia.

14. La sissy oltre i 50 anni

Non è vero che la sissy deve essere giovane. Una sissy 50 enne o anche più vecchia può essere ancora una brava sissy. Evidentemente dovrà dare al dominante più di una sissy più giovane per compensare la vecchiaia e sarà pertanto più serva, più schiava e più troia. Oltre i 49 anni la sissy non può avere contrattualmente limiti di sorta se non quelli di riservatezza personale o finanziari.

15. Sissificazione estrema

La sissy estrema è una sissy che da anni sa fare la sissy e che intende superare ogni limitazione. Deve quindi essere una sissy dichiarata, uscire liberamente “en femme”, essere conosciuta universalmente come vecchia troia e non avere limiti con i dominanti. Nei corsi successivi si espliciterà nel dettaglio cosa si intende per limiti di una sissy e pertanto anche cosa superare.

2 commenti:

  1. Wow, fantastico!

    RispondiElimina
  2. interessantissimo, grazie di aver scritto questo articolo
    misura73@hotmail.it

    RispondiElimina

La filosofia nel boudoir-Bdsm creuza du male