Visualizzazione post con etichetta Una emozione non da poco. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Una emozione non da poco. Mostra tutti i post

sabato 17 gennaio 2015

Una emozione non da poco

UNA EMOZIONE NON DA POCO.

Una emozione non da poco: ti ho visto fra la folla.

Un'appuntamento non formale; tu hai detto..se riesco vengo; e poi..ti ho visto cercarmi fra la folla.

Tu, elegante, fine, non bellissimo ma dallo sguardo profondo, direi magnetico.

Ti vedo, ti riconosco anche se non ti ho mai visto; mi avvicino a Te e imbarazzata mi presento.

Mi porgi la tua mano e ti invito al tavolo dove c'è altra gente. Mi guardi scrutandomi con finta indifferenza ma non ti sfugge nulla.

Forse attrazione sopita nel tempo, ricordo che appartiene a un lontano passato.

Ti guardo e vorrei sapere tutto di te. La prima volta insieme, giornate che verranno vissute con intensità.

La tua voce calma e saudente sussurrandomi all'orecchio la tua pulsione. Verranno momenti in cui ti pentirai di quello che mi hai chiesto, mi dici..il futuro è scritto da qualche

parte e forse riuscirò a leggere questo grande e misterioso libro che è la vita.

Tu,misterioso mi parli di cose splendide, parli di storia, mi affascina la tua cultura. Ti ascolto con attenzioni, ti scruto, ti osservo.

Poi mi porti nella ‘tana’ del lupo.

“Spogliati” mi dici.

Tolgo i vestiti che indosso e rimango solo con la guepiere lilla con intarsi di pizzo fiorati di una tonalità più scura.

Languo di desiderio in questa alcova di perdizione inizio a fantasticare sulla tua presenza accanto a me. Mi cibo di baci, di carezze, della tua attenzione; fremo sotto alle tue

mani.

Lui la mia perdizione, mi agguanta trasportandomi nella profondità della passione facendomi rinascere a nuova vita, lussuriosa, leggiadra peccatrice.

La carezza della tua cinghia sul mio corpo, è una bruciante attenzione che mi fa perdere la ragione.

“Ferma, in posizione; tieni le gambe larghe” mi dici

Poi ti sposti; prendi la mia testa fra le tue gambe e continui senza sosta a usare la cinghia. Eccomi qua, a tua disposizione, anelando la tua attenzione.

Assumo la posizione come piace a Te, sensualmente esposta senza nulla lasciare alla fantasia. So che fra poco farai di me, ciò che tu vorrai senza lasciar spazio al nulla.

Mi ordini di mettermi in ginocchio, mani dietro alla schiena che mi leghi, agganciando le polsiere.

Mi tiri su il viso, accarezzandomi. Mi guardi fisso negli occhi, oso ricambiare il tuo sguardo.

Mi strofini il mio viso sulla fonte del tuo piacere. Ti sbottoni la cerniera dei pantaloni. Sai che cosa significhi per me quel tuo gesto.

Prepotentemente la tua voglia emerge e guidi la mia bocca verso di lui. Mi inchino al tuo volere e succhio il tuo piacere. Tu alzi il viso in estasi, io osservo la tua reazione.

Il movimento diventa più veloce; usi la mia bocca come fosse il mio sesso. Avanti, indietro, ancora..ancora..ancora. Lecco la tua lussuria.

Tu mi agguanti e vieni liberandoti dal piacere. Sono lì, in ginocchio di fronte a te. Non c’è bisogno di parole. Ora vuoi che vada sul letto e che mi metta a quattro zampe.

Inizi a sculacciarmi, piano, piano; poi aumenti il ritmo. Ti fermi e mi penetri con veemenza.

“E’ questo che volevi, cagna. Ora goditelo tutto” e sprofondi in me. Poi esci e le tue dita entrano con maestria; frugano, accarezzano, mordono la mia intimità.

Sei impetuoso e sai come fare e dove toccare. Urlo il mio piacere, vorrei farti smettere ma tu senza pietà mi blocchi e continui, incurante; aumenti il ritmo, mi sento mancare.

Sai fino a dove spingerti e usi le tue armi. Esplodo in un orgasmo liberatorio, squirtando senza ritegno. La mia estasi cola fra le mie gambe appagando il tuo ‘Ego’.

Mi abbracci e restiamo così, appagati.

Momenti passati, attimi volati come gabbiani alla ricerca del loro cibo; predatori guidati dalla fame. Fame di perdizione, di estasi, di passione che vorresti non passassero

mai., Poi la rotta cambia e la strada e si seguono mete diverse.
Il gabbiano urla e vola libero nel cielo. Plana e volteggia e và a vivere da solo la sua follia. Non si dove i gabbiani abbiano il nido per riposare amando la quiete ma anche io

come loro, sono destinata a vivere nella burrasca. (Lara Bianchi)

copyright-Diritti riservati



La filosofia nel boudoir-Bdsm creuza du male